Storico attività

Home/Storico attività

Le mucillaginose – Il mondo delle piante nel suo rapporto con il corso dell’anno

2020-09-17T12:01:17+02:00

Sabato 18 Gennaio 2020 ore 15.30 – 19.00
Domenica 19 gennaio 2020 ore 9.45 – 13.00

*****

Il corso sarà condotto da Marisa di Paoli e Valeria di Paoli per la parte botanica e di osservazione fenomenologica, Anna Fugazza per la parte artistica.

*****

INVERNO – LE MUCILLAGINOSE – elemento TERRA

Nell’atmosfera invernale le forze di vita si sono ritirate sotto la coltre nevosa, le forze eteriche delle ceneri, derivate dalle foglie e dai semi caduti in autunno, hanno pervaso la superficie terrestre sciogliendosi in essa. All’interno della terra queste forze sono rimaste mobili, morbide, fluide, duttili e concentrate, come la goccia che si forma da perle di mercurio di un termometro rotto, che saltellano e si ricongiungono su una superficie.

Queste forze concentrate e silenti si mantengono pronte a rispondere ai ritmi cosmici della Luna e del Sole. Tutta la natura è racchiusa, concentrata, in attesa dell’espansione nel respiro di crescita primaverile. Le piante in cui questa peculiarità è più evidente sono le mucillaginose dove la vita continua ad esprimersi in tutta la pianta, non ancora strutturata e indurita in legno o in sedimenti salini o metallici. La pianta che più esprime questo concetto è il Bryophyllum o Kalanchoe, detta anche pianta di Goethe. Nelle piante che presentano lignificazione questo respiro di vita permane soltanto nei tessuti meristematici di gemme e radici.

Il legame fra l’elemento terra e la vita è proprio della duttilità, del non indurimento, del respiro terrestre che risuona con il respiro umano così come risuonano le piante mucillaginose, fluidificanti ed espettoranti.

Petasites, Enula, Tussilago, attraverso la fluidità delle mugillagini presenti si specchiano nella ritmicità e fluidità del respiro. Osserveremo come l’Ortica, o la Scorodonia – piante in cui l’elemento Terra si è concretizzato in un elevato contenuto di Ferro presente nei loro principi attivi – interagiscono con la respirazione dell’uomo e della foglia esprimendosi nell’ossigenazione sanguigna e nella fotosintesi clorofilliana.

*****

Programma

Sabato 18 Gennaio 2020

ore 15,30 Modellaggio – Anna Fugazza
ore 16,30 pausa
ore 16,45 L’elemento terra | La fertilità della terra – Marisa Di Paoli
ore 17,45 pausa
ore 18,00 Il Bryophyllum, la pianta di Goethe – Valeria Di Paoli

Domenica 19 Gennaio 2020

ore 9,30 Osservazione botanica | Le mucillaginose -Valeria Di Paoli
ore 10,15 pausa
ore 10,30 Fenomenologia dell’elemento terra nelle piante e nell’essere umano – Marisa Di Paoli
ore 11,15 pausa
ore 11,30 Modellaggio – Anna Fugazza

*****

Contributo di partecipazione : 80€

Durante questi incontri è prevista un’elaborazione artistica dei temi trattati attraverso tecniche grafiche, pittoriche, plastiche. Le esperienze proposte sono di facile esecuzione e accessibili a tutti anche senza alcuna preparazione.

Per maggiori informazioni scrivici a settegradini@gmail.com

*****

Prossimi appuntamenti:

  • Terzo incontro 28 – 29 Marzo 2020

  • Quarto incontro 20 – 21 Giugno 2020

VAI ALLA GALLERIA
Le mucillaginose – Il mondo delle piante nel suo rapporto con il corso dell’anno2020-09-17T12:01:17+02:00

Presentazione corso: Il mondo delle piante nel suo rapporto con il corso dell’anno

2020-09-17T12:01:30+02:00

Sabato 12 ottobre 2019 ore  10.00 a Isola del Piano -Ca’ Cecilia

Presentazione del Corso” Il Mondo delle Piante nel suo rapporto con il corso dell’anno”

Intervengono: Giuseppe Paolini, Marisa e Valeria Di Paoli, Anna Fugazza, Davide Galanti

Seguirà presentazione del calendario 2019-2020

Presentazione corso: Il mondo delle piante nel suo rapporto con il corso dell’anno2020-09-17T12:01:30+02:00

Incontri di Lettura

2020-09-17T12:01:38+02:00

Ci incontriamo il primo ed il terzo giovedì di ogni mese  alle ore 20 e 45 a partire da ottobre per leggere e commentare

il testo  ” Antroposofia I ” di Giuseppe Leonelli.

Incontri di Lettura2020-09-17T12:01:38+02:00

Sogno di una notte di mezza estate

2019-08-10T09:52:12+02:00

venerdì 9 agosto 2019

ore 20

presso la sede sita in strada Castelgagliardo n°10 a Isola del Piano

Osservazioni astronomiche a cura del Professor Goffredo Giraldi

Cena a buffet a cura dello staff di cucina dell’Associazione

Intrattenimento musicale a cura di Davide Galanti

Il costo della serata di euro 20 andrà a sostenere le iniziative dell’associazione

E’ consigliabile la conferma di partecipazione!

Tel. 339 429 3842 _ settegradini@gmail.com _ N 43.74527 _ E 12.80881

Sogno di una notte di mezza estate2019-08-10T09:52:12+02:00

Il mondo delle piante nel suo rapporto con il corso dell’anno, gli elementi, l’uomo

2020-09-17T12:01:49+02:00

Struttura del corso: quattro incontri a cadenza stagionale.

Durata di ogni modulo: sabato pomeriggio dalle 15.30 alle 19 – Domenica mattina dalle 9.30 alle 13.00.

I quattro moduli del corso saranno condotti da Marisa di Paoli e Valeria di Paoli per la parte botanica e di osservazione fenomenologia, Anna Fugazza per la parte artistica.

PRIMO INCONTRO 12 – 13 OTTOBRE 2019

AUTUNNO – LE OMBRELLIFERE

Il mese di settembre, con la sua luce dorata e incidente e con l’aria divenuta più frizzante, dà inizio alla stagione autunnale che pervade tutta la natura risvegliandola dal torpore estivo e donando alla Terra ritmi ed esperienze nuove. L’aria è cambiata e questo cambiamento aereo darà luogo a manifestazioni diverse nella natura. Le piante, in cui l’azione dell’elemento aereo è più evidente sono le Ombrellifere dove in alcuni casi l’azione dell’elemento aria cala fino alla radice scavando cavità, in altri resta in superficie donando foglie filiformi. Queste manifestazioni sono talmente evidenti da farle considerare piante dell’aeriforme poiché hanno con l’aria lo stesso rapporto che ha un ombrello che va per aria ad ogni folata di forte vento. In altre famiglie, come nelle Equisetacee, questa attitudine si esprimerà con la formazione di cauli cavi, mentre l’azione della luce sarà evidenziata dall’elevato contenuto di Silicio presente nelle ceneri ottenute dalla pianta esausta. La silice è il costituente principale del cristallo di Rocca, cristallo che nella sua trasparenza e limpidezza, racchiude le forze della luce che si concretizzano in forma cristallina. Esercitando una attenta osservazione fenomenologica ci avvicineremo così al mondo delle piante per comprendere come esse possono interagire con l’essere umano e come possano aiutarci nel risanamento di disequilibri legati all’elemento ARIA: l’aria si esprime nell’Anice, nel Finocchio, nel Cumino, risuona con il meteorismo sulfureo della pancia dell’uomo, oppure la luce e l’aria concretizzate nella Silice dell’Equiseto fanno da vaglio nell’eliminare i cataboliti urinari, come fa un setaccio, che ventilato all’aria riesce a separare i semi buoni dai cattivi.

SECONDO INCONTRO 18 – 19 GENNAIO 2020

INVERNO – LE MUCILLAGINOSE

Nell’atmosfera invernale, le forze di vita si sono ritirate sotto la coltre nevosa, le forze eteriche delle ceneri, derivate dalle foglie e dai semi caduti in autunno, hanno pervaso la superficie terrestre sciogliendosi in essa. All’interno della terra queste forze sono rimaste mobili, morbide, fluide, duttili e concentrate come la goccia che si forma da perle di mercurio di un termometro rotto che saltellano e si ricongiungono su una superficie. Queste forze concentrate e silenti si mantengono pronte a rispondere ai ritmi cosmici della Luna e del Sole. Tutta la natura è racchiusa, concentrata, in attesa dell’espansione nel respiro di crescita primaverile. Le piante in cui questo fenomeno risulta più evidente sono le piante mucillaginose dove la vita continua ad esprimersi in tutta la pianta e non si è ancora strutturata e indurita in legno o in sedimenti salini o metallici. Nelle piante che presentano lignificazione, questo respiro di vita permane soltanto nei tessuti meristematici di gemme e radici. Il legame fra l’elemento TERRA e la VITA è strettamente legato alla duttilità, al non indurimento, al respiro terrestre che risuona con il respiro umano così come risuonano le piante mucillaginose, fluidificanti ed espettoranti. Petasites, Enula, Tussilago, attraverso la fluidità delle mucillagini presenti sì specchiano nella ritmicità e fluidità del respiro. Osserveremo come l’Ortica, o la Scorodonia, piante in cui l’elemento Terra si è concretizzato in un elevato contenuto in Ferro, presente tra i loro principi attivi, interagiscono con la respirazione dell’uomo e della foglia esprimendosi nell’ossigenazione sanguigna e nella fotosintesi clorofilliana.

TERZO INCONTRO 28 – 29 MARZO 2020

PRIMAVERA – LE COMPOSITE

Con l’avvento della primavera tutta la TERRA rimasta concentrata nella sua duttilità interiorizzata, tutte le forze restate silenti e a riposo durante la stagione invernale, si risvegliano e divengono attive, turgide di ACQUA, mobili e libere di sciogliersi nel respiro cosmico. L’ACQUA elemento meraviglioso in grado di disciogliere un sale (TERRA) e di farlo comunicare e reagire con il resto del mondo, racchiude ed esprime tutto il fenomeno del chimismo della natura. Chimismo che ritroveremo nel mondo delle Composite dove si esprimerà nella formazione di lattice nel Tarassaco in cui l’azione dell’elemento acqua è molto presente, o nella formazione delle spine nel Cardo, dove l’azione dell’elemento acqua è poca. Lo stesso fenomeno lo riconosceremo nel fegato dell’uomo che reagirà e si strutturerà, alla presenza o meno dell’elemento acquoso, come le composite. Osserveremo la relazione fenomenica del chimismo fra Celidonia, Pomodoro e Fragaria con la formazione della bile e il funzionamento della cistifellea. Interiorizzeremo e sperimenteremo come le reazioni chimiche che avvengono in questi organi si relazionano con l’elemento ACQUA come avviene nel resto della natura.

QUARTO INCONTRO 20 – 21 GIUGNO 2020

ESTATE – LE LABIATE

Siamo in estate, circondati, vaporizzati da una cappa infuocata, dove il semplice pensare, concentrarsi in una attività qualsiasi diventa difficile. La natura è immobile, riarsa e ripetitiva come il frinire di una cicala che tenta d’innalzarsi verso la cappa di calore. Le piante si sono espresse durante tutto l’arco dell’anno secondo la loro natura, ma le Labiate, piante di calore e quelle produttrici di olii grassi, riescono ancora a interagire con questo elemento. Le prime, piante aromatiche, pervadono e innalzano il loro canto nel caldo del Sole con oli essenziali profumati, le seconde si appropriano del calore immagazzinandolo nell’olio grasso. Anche l’uomo, in estate è più propenso ad instaurare rapporti di calore, ad essere aperto verso il calore del cuore, verso la natura andando al mare o facendo festa insieme agli altri, cercando e creando rapporti nuovi. A volte, esagerando in questo desiderio d’espansione, si ritrova fuori ritmo rischiando di bruciarsi ed esaurirsi come gran parte del resto della natura. Osserveremo come l’uomo mantiene costante e in omeostasi la temperatura corporea per mezzo del battito cardiaco, costante, ritmico, ed analizzeremo l’interazione della Primula, del Biancospino, dello Strofanto, della Digitale con questa ritmicità del calore del cuore.

Durante questi incontri è prevista un’elaborazione artistica dei temi trattati attraverso tecniche grafiche, pittoriche, plastiche. Le esperienze proposte sono di facile esecuzione e accessibili a tutti anche senza alcuna preparazione.

Contributo di partecipazione: da definire in base al numero dei partecipanti. (Torna a visitare l’articolo a settembre oppure scrivici una email a settegradini@gmail.com

VAI ALLA GALLERIA
Il mondo delle piante nel suo rapporto con il corso dell’anno, gli elementi, l’uomo2020-09-17T12:01:49+02:00

Conferenza: La mano e il massaggio, quando l’io incontra l’altro

2019-08-10T09:29:51+02:00

Sabato 13 Aprile ore 15-18,30

A cura del Dott. Silvano Colombo

Seminario Conferenza : La mano e il massaggio, quando l’io incontra l’altro

Condivisione di un linguaggio comune: il corpo eterico e l’astrale, il loro corretto rapporto consente l’incarnazione dell’Io attraverso l’organismo del calore, indicazioni del Massaggio Ritmico – L’impronta dell’astrale nella costi.tuzione, postura, processi di malattia – La pelle come organo tripartito, una parte per il tutto – Io e confine – La mano diviene strumento di relazione con il corpo eterico – Il ritmo e la direzione come gesti risanatori. Peculiarità delle manovre in relazione agli arti costitutivi, massaggio d’organo – Gli oli come medium di contatto, attivatori di calore – L’incontro in terapia, avvicinarsi all’altro, distanza e profondità della relazione – Mettere le mani nelle emozioni, la memoria del corpo- Esercizi di propriocezione ed eterocezione, lo spazio vitale.

Silvano Colombo(*) è Psicologo e Fisioterapista. Il suo interesse per una visione psicosomatica dell’uomo e della terapia lo ha portato, in oltre 30 anni di professione e formazione, a esplorare diverse discipline e tradizioni terapeutiche del mondo orientale e occidentale per sintetizzarle e attuarle in relazioni  d’aiuto atte a sviluppare la consapevolezza della relazione tra mente e corpo.

Attualmente vive e lavora a Milano dove svolge la sua attività professionale in uno studio condiviso con un medico a indirizzo antroposofico e un terapista cranio-sacrale. Tale attività, strettamente collegata, consente un continuo scambio, confronto e sostegno tra professionisti che condividono una concezione olistica dell’uomo e della terapia.

(**)Consegue la maturità classica nel 1977. Consegue il DU in Terapia della Riabilitazione presso l’Università degli Studi di Milano nel 1981.                Nel periodo che va dal 1981 al 1991 alterna all’attività professionale e formativa lunghi soggiorni in Oriente (India) dove ha modo di frequentare la scuola di dottrine vediche Yoga Vedanta Academy a Rishikesh UP, la clinica yogica di Lonavla MH e ripetuti seminari intensivi di Meditazione Vipassana. In Thailandia consegue il diploma di Massaggio Tradizionale Thai presso il tempio Wat Po di Bangkok. Nel 1986 completa il corso di Erboristeria Spagirica presso l’istituto Riza di Milano.  Nel 1987 conclude il Corso quadriennale di trattamento dei disturbi psicosomatici sempre presso l’istituto Riza.  Nel 1992 frequenta la scuola di Dottrina Omeopatica del dott. J. Reves ad Haifa Israele. Nel 1992 completa la scuola triennale a indirizzo antroposofico di Massaggio Ritmico a Bad Boll in Germania. Dal 1991 al 1994 è docente di Psicosomatica presso la scuola di Specialità di malattie dell’apparato respiratorio dell’Università di Milano. Nel 1996 consegue il Master in tecniche immaginative e di rilassamento presso l’istituto Riza. Nel periodo dal 1996 al 1998 partecipa al corso di formazione per terapeuti  a indirizzo antroposofico tenuto dal Dott. G.Leonelli. Nel 1998 consegue il titolo di Naturopata presso la scuola UNA Milano. Nel 1999  è abilitato all’esercizio della professione di Psicologo dall’Università La Sapienza, Roma. Nel 2005 è ammesso al registro dei Counsellors della SiCo. Nel 2006 consegue il Master in Programmazione Neuro Linguistica presso PNL-Meta, Milano. Dal 2007 al 2009 si occupa di Ipnosi ericksoniana presso PNL-Meta e segue un percorso formativo in Terapia dei Nuclei Profondi con il dott. S. Boschi. Dal 2007 al 2009 partecipa come conduttore al Laboratorio di salute per pazienti con diagnosi tumorale a Cascina Rosa Istituto Naz.Tumori Milano. Dal 2009 al 2011 compie soggiorni di studio e terapia presso la clinica Ayurvedica del dott. Raviraj a Kuma, Karnataka. Negli anni tra il 2006 e il 2012 l’azienda farmaceutica Weleda Italia lo invita come relatore a convegni e congressi per le sue competenze sul massaggio e gli oli medicati. Dal 2012 approfondisce le sue competenze sulla Mindfullness e la risoluzione di eventi post traumatici mediante approccio somatosensoriale. Il percorso di supervisione e terapia iniziato in quell’anno, congiuntamente alla frequentazione di eventi formativi e collegiali di Somatic Experiencing, Psicoterapia Sensomotoria e Metodo Feldenkrais, gli ha permesso di affinare un processo di regolazione neurovegetativa basato su procedure attivate dal linguaggio e dalla liberazione del movimento per l’insight e decondizionamento delle risposte post traumatiche riflesse.

Conferenza: La mano e il massaggio, quando l’io incontra l’altro2019-08-10T09:29:51+02:00

Conferenza: Cristianesimo essoterico e Cristianesimo esoterico alla luce della scienza dello spirito

2019-08-10T09:30:00+02:00

Sabato 23 Marzo 2019 alle ore 16,30

Relatore : Gianni Sculco

Conferenza e dibattito: Cristianesimo essoterico e Cristianesimo esoterico alla luce della scienza dello spirito

Contributo di partecipazione € 10,00

Conferenza: Cristianesimo essoterico e Cristianesimo esoterico alla luce della scienza dello spirito2019-08-10T09:30:00+02:00
Torna in cima